Margherita Fassari, psicopedagogista di Crescere Insieme, la società che si occupa di gestione di asili nido, servizi all’infanzia e formazione in ambito pedagogico spiega come preparare al meglio i bambini quando partono con i nonni in vacanza:“Perciò abbiamo formulato una piccola guida, un vademecum per gestire questo difficile momento, senza stress per i grandi e traumi per i piccoli”.

  1. Preparare il bambino alla vacanza e impostare le routine necessarie a rassicurarlo, simili a quelle che segue già a casa, coinvolgendo anche chi si prende cura di lui: ad esempio nella casa del mare si usa sempre quella tazza o si legge un determinato libro di favole.
  2. Lasciare al piccolo un oggetto di mamma e papà, che lui dovrà custodire per tutto il tempo in cui mamma e papà sono lontani. Può essere la federa del cuscino del lettone o anche un libricino con le foto della famiglia, al quale ricorrere nei momenti di nostalgia.
  3. Far scegliere al piccolo il giocattolo o l’oggetto che potrà fargli compagnia durante l’”avventura” della vacanza senza mamma e papà.
  4. Sfruttare le videochiamate per accorciare le distanze, prendendo un “appuntamento”, magari serale ma che non interferisca con la nanna.
  5. Stringere una sorta di patto di “alleanza” con parenti e nonni o comunque con chi tiene il piccolo durante la vacanza: una volta stabilite le regole di base e la routine, non bisogna controllare tutta la giornata del bambino ma fidarsi di chi ce l’ha in cura. Chi si occupa del piccolo, ferme restando le regole concordate prima della partenza, potrà permettere qualche “fuori programma”, che potrà anche diventare oggetto di dialogo durante il fine settimana.
  6. Chi resta col piccolo, se questi si sente triste o malinconico, non dovrà negare tali emozioni ma rassicurarlo affrontare il tema della tristezza in modo tale che il bambino riesca a gestirla e accoglierla.
  7. Può essere utile regalare al proprio figlio un piccolo diario, per disegnare o (se ha l’età per farlo) per raccontare le sue giornate e attaccare piccoli ricordi della vacanza, dalla conchiglia raccolta in spiaggia alla foto dell’amichetto conosciuto al mare.
  8. Costruire insieme un calendario settimanale per fare il conto alla rovescia del ricongiungimento, visualizzando così i giorni che mancano al ritorno dei genitori.

https://www.repubblica.it/salute/medicina-e-ricerca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cancella il moduloPost comment